Tappa 1 - 27 Aprile 2012 Ravenna – Porto Levante Km 160

Tempistica e Tappe:

(08:00) Ravenna – Punta Marina Terme - Marina di Ravenna – Casal Borsetti - Sant’Alberto – Comacchio – Porto Garibaldi (12:00 – 13:00) Lido di Volano – Mesola – Taglio di Po – Villaregia – Porto Levante (20:00).

 

Riferimenti Cartografici Siti Ufficiali:

# Ravenna – Sant’Alberto : http://www.ferraraterraeacqua.it/sito?lang=IT&itinerariconsigliati=6&nav=5&scheda=78

# Sant’Alberto – Comacchio : http://www.ferraraterraeacqua.it/sito?lang=IT&itinerariconsigliati=6&nav=5&scheda=68

# Comacchio – Mesola : http://www.ferraraterraeacqua.it/sito?lang=IT&itinerariconsigliati=6&nav=5&scheda=90

# Taglio di Po – Porto Levante : http://www.veneto.to/resource/resolver?resourceId=75545ead-3352-4d22-a8cc-1fc59eaf5669/itinerario3-2-ita

Itinerario Tappa 1 - Cartografia e Altimetria
Tappa 1.pdf
Documento Adobe Acrobat 449.6 KB

Itinerario GPS

Visualizzazione dell'itinerario

Tempi di Percorrenza e Distanze 1^ tratta 

Itinerario GPS

Visualizzazione dell'itinerario

Tempi di Percorrenza e Distanze 2^ tratta

Diario della Giornata:  

Ore sette. E' arrivato il giorno della partenza. Dopo lungo programmare eccoci davanti alla Provincia di Ravenna. Un comitato di amici ci aspetta per salutarci. Foto di rito, sorrisi, abbracci. Poi partenza. Alcuni soci della Fiab di Ravenna ci accompagnano per il primo tratto. La temperatura è mite, l'aria è fresca, il sole è caldo. Punta Marina ancora dorme quando passiamo noi, così pure i pochi campeggiatori a Casal Borsetti. Passare il ponte sul Reno in bici, per ora, è ancora un esercizio di abilità, forza fisica, ed equilibrio. Sull'argine sx del Reno guardando nelle valli di Comacchio i fenicotteri rosa in parata sono uno spettacolo nello spettacolo. All'improvviso un deltaplano a motore, rompe il silenzio delle valli. In perfetta sincronia si alza, a freccia, uno stormo rosanero. Dopo l'argine di agosta Comacchio ci accoglie tra i sui Canali. Apprezziamo l'accoglienza e .. le tagliatelle che ci offrono a pranzo. Per Porto Garibaldi la ciclabile si fà apprezzare fino al pericoloso svincolo sotto la Romea. Odore di pesce arrostito nell'aria salmastra lungo le banchine ove dondolano pigri i pescerecci di Porto Garibaldi. Stabilimenti balneari, nei lidi, deserti e silenziosi nella caldo meriggio polveroso, come Luna Park il lunedì mattina. Abbandonata la costa. Ricominciano le valli. Superato il Po di Volano a Taglio della Falce il caldo soffoca, mentre pescatori immobili insidiano  i pesci nelle acque antistanti l'idrovora. Finalmente ritroviamo un pò di frescura nel viale ornato dai pini che ci porta alla vecchia chiusa di Torre Abate e lungo i viali di pioppi cipressini, dopo Bosco Mesola, verso il castello a presidio del confine regionale sull'argine del Po. Altro ponte, ma qui cambiamo regone. Tramite un vecchio sottopasso ci ritroviamo nella Romea Vecchia. Un rettifilo semi abbandonato coronato di case. Asfalto fumigante in un bollente pomeriggio senza ombra. A Taglio di Po oltre il ponte sulla Romea il vento contrario non riesce a non farci apprezzare la bellissima ciclabile asfaltata in sx Po di Venezia verso Villaregia. Abbandonato l'argine scendiamo in una traversa, che mano a mano diventa prima sconnessa, poi ghiaiata e infine erbosa sull'argine di un canale, fino a trovarci davanti ad un cancello chiuso. Riusciamo a proseguire a stento fino a trovarci nell'aia della casa di guardia all'idrovora. Ove il custode, gentilissimo, ci fà notare che siamo arrivati a Porto Levante, ma seguendo l'argine sbagliato del canale (l'altro è ciclabile sia pure in terra battuta) e che comunque fino a che non ci saranno aggiustamenti, nonostante si parli di itineari Regionali già pubblicati, entrambi finiscono a casa sua. Per uscire ci apre il cancello. A Porto Levante ci traghetta da una sponda all'altra del Po di Levante un Capitano giramondo, che ci stupisce con le sue imprese in bici in mezzo mondo. Ci raccomanda attenzione alle auto lungo la strada per Albarella. L'agriturismo San Gaetano un oasi di verde in mezzo alla laguna ove il Gal di Rovigo ci omaggia di una bellissima guida sugli itineari nel Parco del Delta. Cena speciale a base di gnocchi casalinghi al formaggio, affettati gustosi e dolci della casa.