RETE CICLABILE del COMUNE di RAVENNA CRITICITA’ e PROPOSTE

per la MESSA IN SICUREZZA

La (ri)costruzione della rete di mobilità NON MOTORIZZATA (ciclabile) del Comune di Ravenna, anche se deve essere intesa come una entità unica, è stata suddivisa per comodità espositiva in tre capitoli funzionali distinti: RAVENNA CAPOLUOGO, la RETE DI COLLEGAMENTO città - frazioni e le FRAZIONI. La costruzione "fisica" della rete necessita comunque di un "BICIPLAN" , che contenga non solo il disegno fisico degli itinerari, ma: una ben precisa scalettatura dei tempi, delle priorità e dei finanziamenti, una campagna pubblicitaria e divulgativa atta a far conoscere alla cittadinanza le potenzialità DELLA MOBILITA' NON MOTORIZZATA e un ABACO della segnaletica standard verticale e orizzontale da porre in opera sugli itinerari.

Ravenna Capoluogo

Rete Ciclabile Primaria (Ipotesi Fiab)
Rete Ciclabile Primaria (Ipotesi Fiab)
Stato di Fatto (rilievo del Comune di Ravenna))
Stato di Fatto (rilievo del Comune di Ravenna))

La rete ciclabile del Capoluogo: CIRCONVALLAZIONI concentriche dalle quali si dipartono verso il centro citta gli ASSI PRINCIPALI, che ricalcano le principali direttrici di penetrazione periferia - centro, all'interno dei quali si identificano STANZE soggette a progettazione particolareggiata in base al loro contenuto (scuole, uffici pubblici, stazioni, parcheggi scambiatori ...). Verso l'esterno gli ITINERARI DI COLLEGAMENTO con le Frazioni e il Mare ad uso dei Residenti e dei Turisti, in collegamento/prosecuzione con gli itineari Nazionali/Internazionali che convergono/transitano su Ravenna. 

Circonvallazioni


Circonvallazione (C0) abbraccia la zona del centro cittadino, per convenzione, quella racchiusa all’incirca all'interno delle vecchie mura cittadine. All'interno di tale zona (ZTL) la circolazione delle biciclette non necessita di costruzioni di particolari strutture (piste ciclabili), ma solo di una legislazione particolare atta a permettere la libera circolazione dei cicli e dei pedoni, anche in senso opposto al traffico motorizzato canalizzato (vedi delibere del Comune di Reggio Emilia).

Circonvallazione (C1) è una circonvallazione intermedia tra la zona ZTL del centro cittadino e l’attuale limite urbanizzato della città. Ad ovest della città (Viale Alberti, Pertini e Allende) può sfruttare l’attuale rete ciclabile che necessita di alcuni interventi magliatura, mentre nella parte est nord-est in particolare nella zona di Via Zalamella. sono necessari pesanti interventi di realizzazione di itinerari protetti.

Circonvallazione (C2) delimita la periferia urbana della Città e utilizza in parte alcuni percorsi promiscui a basso traffico collegando tra loro i quartieri periferici.

CINTURA VERDE” (CV). Tra le circonvallazioni C1 e C2 esiste un itinerario circolare che, inanellando parchi e zone verdi che circondano Ravenna, ha uno scopo particolarmente vocato al turismo alle gare podistiche (maratone) e ciclistiche dando la possibilità ai Ravennati e ai Turisti di conoscere il lato migliore della Città.

ASSI PRINCIPALI

 

Dalla zona ZTL del centro cittadino fino alla circonvallazione mediana (C1) si dipartono gli ASSI PRINCIPALI. Tali assi:

  • A1 Viale Randi
  • A2 Via F. Montone Abbandonato
  • A3 Via C. Lercaro
  • A4 Via Maggiore
  • A5 Rocca Brancaleone - Parcheggio Caserma Gorizia
  • A6 Viale Farini
  • A7 Via Alberoni – Via Guaccimanni Via De Gasperi – Via N. Baldini
  • A8 Viale Bellucci
  • A9 Via Cesarea
  • A10 Via Ravegnana

permetteranno la mobilità ciclabile centro – periferia – punti di interscambio (parcheggi periferici). Gli spazi urbani venutisi a creare tra gli Assi e le Circonvallazioni (Stanze) dovranno essere oggetto di una unteriore programmazione (piste ciclabili – zone 30, itinerari protetti, libera circolazione, zone ciclo pedonali).

ITINERARI DI COLLEGAMENTO CAPOLUOGO - FRAZIONI


Dalla circonvallazione periferica (C2) si dipartono a raggiera  gli ITINERARI di collegamento tra la città le frazioni il mare e le pinete. In particolare sono stati individuati gli itinerari:

  • R01 Pineta San Vitale – Porto Corsini – Casal Borsetti
  • R02 Cimitero – Stabilimento Ex Anic
  • R03 Marina di Ravenna
  • R04 Punta Marina Terme – Lido Adriano
  • R05 Porto Fuori - – Lido di Dante
  • R06 Fosso Ghiaia – Savio Mirabilandia – Cervia
  • R07 Madonna dell’Albero – Coccolia – Forlimpoli
  • R08 San Pancrazio – Faenza
  • R10 San Michele – Russi
  • R11 Piangipane – Bagnacavallo
  • R12 Savarna, Sant’Alberto
  • R13 Mezzano
  • R14 Sant’Alberto.

BIBLIOGRAFIA

Manuale Fiab - Biciplan Comunale
N.1 il Bici-Plan Comunale.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB
"Piano Particolareggiato di Settore della Mobilità Ciclabile" Comune di Ravenna - Dicembre 2012
Biciplan.pdf
Documento Adobe Acrobat 29.5 MB
“Mobilità sostenibile e Turismo nel Ravennate” - A cura di : Andrea Navacchia Febbraio 2002.
Mobilita sostenibile e turismo Relazione
Documento Adobe Acrobat 63.4 KB

"Distanze e tempi stimati". Schema delle distanze e dei tempi di percorrenza a piedi o il bici relativa alla città di Ravenna.

Passaggi Ciclo-Pedonali. La rete ciclabile inevitabilmente incrocia nei passaggi pedonali la rete viaria ordinaria. Spesso si assiste, ove esistono passaggi pedonali semaforizzati, ad auto ferme al rosso e nessuno che attraversa. Perchè chi ha premuto il tasto di chiamata non sà nè se la chiamata è stata recepita nè quanto manca al verde e/o al rosso, e pertanto alla prima stasi del traffico attraversa. Nella Foto esempio di pulsantiera con avviso luminoso di chiamata e lanterne contasecondi.